Impiantidi disoleazione piazzali

Questa tipologia di vasche di disoleazione per piazzali pavimentati è caratterizzata dal fatto di trattare tutta la portata delle acque meteoriche di dilavamento della superficie in continuo e di convogliare, mediante uno scolmatore di piena, l’eccedenza disoleata e defangata allo scarico.

Tale trattamento è composto da una o più vasche di defangazione e calma e da almeno una vasca di disoleazione munita di setto intermedio, di tubazione a sifone in entrata e in uscita e cuscini oleoassorbenti idrorepellenti.

Su richiesta il sistema può essere dotato di filtro a coalescenza e dispositivo galleggiante di sicurezza.

Impianti di disoleazione piazzali
Impianti di disoleazione piazzali

Criteri di dimensionamento

I manufatti vengono dimensionati dal nostro ufficio tecnico sulla base di calcoli idraulici specifici, in funzione delle singole problematiche e considerando portate e intensità di pioggia secondo riferimenti tabellari.

Il rendimento è garantito dal tempo di ritenzione, dalle tubazioni a sifone e dalla parete intermedia posta nella zona centrale del disoleatore a ridosso della quale si stratifica l’olio.

Aspetti gestionali ed elasticità di funzionamento

Questo tipo di trattamento non prevede l’utilizzo di pompe, sensori e quadri elettrici e quindi il consumo energetico e le problematiche gestionali relative alle apparecchiature elettromeccaniche sono nulle.

Essendo le vasche munite di scolmatore di piena, il sistema non risente di variazioni dell’intensità di pioggia e quindi è in grado di trattare da pochi litri al secondo a grosse portate. Inoltre rispetto alle vasche di prima pioggia, il sistema è in grado di trattare e separare le sostanze oleose e sedimentabili presenti nel refluo anche di seconda pioggia.

Ciò risulta particolarmente utile nel caso ci sia la possibilità di versamenti accidentali di sostanze oleose durante tutta la durata dell’evento meteorico.

Prodotti

Il ns. ufficio tecnico è in grado di fornire soluzioni su misura a seconda delle problematiche del singolo utente. Per piccoli piazzali è possibile adottare la sola vasca di disoleazione opportunamente dimensionata, mentre per superfici di maggiori dimensioni è opportuno considerare più vasche poste in serie. Per piazzali di superficie maggiore di 22.000 m² è necessario suddividere la portata in ingresso in due linee affiancate lavoranti in parallelo.

Qualora si preveda un forte transito di veicoli, oppure se il piazzale è un parcheggio molto frequentato è consigliabile aumentare il numero di vasche al fine di ottenere un miglior risultato nella separazione dei materiali oleosi e sedimentabili.

Se il piazzale è sede di stoccaggio materiale o di particolari lavorazioni è necessario valutare l’efficienza del trattamento a seconda dei casi.